2 minuti di lettura

App Native, App Ibride e PWA.

49a27bef6d18791fffed92a8393bc9177d692680-4168x2185

Il mercato attuale propone diverse tecnologie per sviluppare un’applicazione mobile. Ad oggi, le più utilizzate sono di tre tipologie: Nativa, Ibrida e Progressive Web App (PWA).

Quale di queste è la migliore per il tuo progetto?

Forse la risposta potrebbe alquanto spiazzarti, perché la verità è che non c’è una soluzione che sia migliore rispetto all’altra. Ognuna di queste tipologie è stata pensata per rispondere a esigenze e tipologie di progetto diversi, che implicano funzionalità e costi differenti.

Prima di affidarti ciecamente alle soluzioni offerte da una software house, ti suggeriamo di proseguire la lettura di questo articolo, che ti aiuterà in una scelta consapevole e autonoma:

App Nativa

Un’App Nativa è un’applicazione mobile che viene sviluppata nel linguaggio proprio della piattaforma che vorrai utilizzare: Kotlin per Android e Swift per iOS.

Queste applicazioni, prima di poter essere scaricate, hanno bisogno dell’approvazione dello store sul quale verranno pubblicate. Una volta che verrà lanciata, potrai decidere se farla scaricare gratuitamente o a pagamento.

I vantaggi delle App Native riguardano:
  • User experience: la cosa in cui le app native eccellono è certamente l'esperienza utente. La loro usabilità è più pulita, più intuitiva e facile da imparare per chi è già abituato al sistema operativo Android o iOS.
  • Performance: le app native sono intrinsecamente più veloci.
  • Esposizione: le app native sono scaricabili da App Store e Google Play, quindi una semplice ricerca gli consente di essere scoperte da sempre più persone.
  • Integrazione: le app native sono in grado di accedere alle funzionalità del tuo device, come per esempio: bluetooth, fotocamera, microfono e NFC (Near field communication). Quest’ultima tecnologia di ricetrasmissione permette a due dispositivi di scambiarsi informazioni attraverso un sistema wireless. L’NFC è la tecnologia che viene usata per pagare in modalità contactless con lo smartphone; oppure si pensi ai TAG NFC, dei chip che permettono di mandare informazioni sul tuo smartphone.
  • Coinvolgimento: grazie alle notifiche push, puoi entrare direttamente in contatto con gli utilizzatori della tua app.
Gli svantaggi:
  • Piattaforma: per disporre di un’app nativa che parli sia al mondo Android che a quello iOS dovrai sviluppare due app, tra loro simili, ma con qualche differenza dovuta all’usabilità di una o dell’altra piattaforma.
  • Manutenzione: se dovessi decidere di sviluppare entrambe le versioni della tua app, tieni in considerazione che il costo di manutenzione e il tempo da dedicarci quasi raddoppieranno.
Costo per lo sviluppo di un’App Nativa

Tutto dipende da cosa decidi di sviluppare, se una sola piattaforma o entrambe. Quando hai budget ed esigi la qualità, la soluzione delle app native è consigliata ed è anche più facile da mantenere.

In quali casi è meglio sviluppare un’App Nativa?

A differenza delle altre tipologie (ibrida o PWA) che hanno dei limiti, l’app nativa è più duttile e scalabile nel tempo e ti permette di costruire il tuo progetto esattamente come lo avevi pensato. L’app nativa è più indicata per controllare alcune funzionalità del tuo dispositivo (fotocamera, rubrica, gps, etc), per una migliore User Experience oppure per integrare dispositivi IoT (Internet Of Things).

 


Vuoi più informazioni riguardanti lo sviluppo di Applicazioni Native o Ibride?

banner-header-alt

In DuckMa, nella consulenza gratuita Know, ti forniamo un primo orientamento sullo sviluppo della tua applicazione.

Prenota la tua consulenza gratuita!


 

-->